© Polar

Hai davvero bisogno di GPS e Cardio per correre?

La vita del runner non è fatta soltanto di sudore e fatica ma anche di riflessioni e grandi interrogativi.

D’altra parte mentre si corre la mente vaga libera e il tempo sembra dilatarsi in quello che, molto probabilmente, sarà l’unico momento della tua giornata in cui potrai pensare liberamente.

Perchè oggi sono così stanco? Come farò ad arrivare alle fine del mio allenamento?

Quante emergenze dovrò affrontare oggi al lavoro?

Come diavolo fa quel tizio in jeans a correre più di me? 

Mi serve davvero un gps per correre? Non mi basta il cardiofrequenzimetro?

Perchè il mio amico ultrarunner dice che sono soltanto “inutile zavorra”?

Ma soprattutto, perchè lo sto facendo?

Che tu sia un pro oppure un novellino siamo sicuri che ti sarai posto alcune di queste domande.

Ebbene, non possiamo rispondere a tutti i quesiti esistenziali che attanagliano la tua mente, però se vuoi chiarirti le idee su quale sia l’equipaggiamento migliore per darsi alla corsa sei nel posto giusto!

 

GPS o Cardio? E lo smartphone?

Non è facile fornire una risposta universale e valida per tutti a questa domanda.

In parte perchè non siamo tutti uguali, non abbiamo tutti le medesime esigenze e, soprattutto, non abbiamo tutti lo stesso livello di allenamento e resistenza alla fatica.

Tuttavia anche i gusti personali, le abitutini e il proprio livello nella “scala geek” influiscono in maniera determinante sulla propensione o meno alla corsa hi-tech (che cosa? Non sai cosa sia un geek? Andiamo? Beh, se davvero lo ignori molto probabilmente il tuo livello nella scala è pari a zero! Colma le tue lacune con questo simpatico articolo di Focus).

La differenza tra i 3 strumenti proposti è piuttosto semplice:

  • Con il GPS hai al polso un orologio che registra il tuo percorso e ti fornisce in diretta sullo schermo LCD informazioni come passo, velocità instantanea e media; quasi sempre è abbinato alla fascia cardiaca per un monitoraggio completo.
  • Con il Cardio hai solo uno strumento che ti permette di conoscere la tua frequenza cardiaca, molto comodo per regolarti e imparare a conoscere il tuo grado di sopportazione dello sforzo.
  • Con lo Smartphone hai a disposizione diverse applicazioni che ti permettono di registrare la tua prestazione in maniera similare a quanto faccia un orologio GPS, ovviamente con minor precisione e minor praticità (dovrai legarti il telefono al braccio e mettere il volume al massimo per avere qualche dato in diretta). Tra le mille possibilità consigliamo di scaricare Fitbit, applicazione con cui si possono fare davvero molte cose.

Quindi quale strumento è quello adatto a te?

Anzichè offrire una nostra personalissima opinione sul tema crediamo sia più utile frammentare la risposta per tipologie di runner in modo da rendere più facile e agevole una scelta.

 

Dicci chi sei e ti diremo cosa indossare

Se vuoi rinfrescarti la memoria, vai al nostro articolo dedicato alla classificazione dei runner e scopri qual è il tuo idealtipo di riferimento!

 

Sei una mina vagante?

Ci sembra inutile dirlo e soprattutto scriverlo: se fai parte di questa categoria siamo certi che monitorare le prestazioni non è una priorità per te. Anzi, probabilmente non hai nemmeno tempo per leggerci, hai cose più misteriose da fare.

No gps, no cardio, no smartphone.

 

Sei uno stagionale?

In questo caso molto dipende dai tuoi gusti personali in fatto di tecnologia. In realtà uno smartphone con un applicazione per registrare i percorsi e contare i passi potrebbe essere sufficiente visto che molto probabilmente non sei il tipo che all’affermazione “non ce la faccio più” vuole abbinare un particolare range di battiti cardiaci.

No gps, no cardio, sì smartphone (Fitbit).

 

Sei un runner addescatore?

Andiamo? Di cosa stiamo parlano? A te non importa nulla di questi aggeggi tecnologici, sappiamo tutti perchè sei al parco! Al massimo portati un telefono, non si sa mai che qualcuno decida di darti il suo numero…

No gps, no cardio, sì smartphone (solo per la rubrica).

 

Sei una schiappa/novellino?

Probabilmente inizierai portando con te il telefono ed è una buona idea. Nel momento in cui vorrai qualcosa di più il nostro consiglio è quello di passare al GPS: ti darà una mano a capire come corri e sarà un grande motivatore per continuare a correre e migliorarti!

No gps, no cardio, sì smartphone (Fitbit); in seguito se la passione persiste aggiornati a tutte e 3 le soluzioni!

 

Sei un ossessionato?

Qui è soltanto una questione di gusti: probabilmente ti piacerà conoscere la tua frequenza cardiaca per impostare degli allenamenti a battiti specifici e quindi un semplice cardiofrequenzimetro potrebbe fare al caso tuo. Come sempre, consigliamo di acquistarne uno veramente economico oppure passare al GPS per avere un controllo maggiore.

Sì gps, sì cardio, no smartphone.

 

Sei un brizzolato?

Crediamo che per te la cosa più importante sia uno smartphone di fascia alta, magari in bella vista, con una serie di app per monitorare la tua prestazione. Ovviamente nulla ti vieta di passare al kit completo anche se molto dipenderà dal tuo livello di allenamento.

Smartphone fondamentale, il resto in coscienza!

 

Sei una lampadata?

Per te valgono le stesse regole del tuo amico brizzolato: portati il tuo Iphone e condividi i tuoi allenamenti ma se vuoi qualcosa in più regalati un GPS come si deve!

Smartphone fondamentale, il GPS la soluzione migliore.

 

Sei un pro?

Beh, se davvero sei un pro sei tu a doverci dare consigli! Se dovessimo scommettere, diremmo che sei capace di allenarti anche senza alcun ausilio tecnologico…

Vedi tu maestro runner!

 

Sei un tizio satellitare?

Il nome è una garanzia: per te correre significa agganciare lo stesso numero di satelliti di un vettore spaziale quindi avrai con te qualsiasi cosa sia uscita sul mercato (e probabilmente anche dei prototipi da te inventati).

Sì, Sì e ancora sì!

 

Sei un endorser?

Secondo noi l’orologio da corsa per te è un tantino pacchiano con quel cinturino in rozza gomma e quel display così anni Ottanta. Accontentati del tuo smartphone top gamma, a meno che tu non abbia una qualche propensione verso un marchio in particolare (Garminista convinto? Discepolo della Suunto?); piuttosto, concentra le tue spese sulle ultime Mizuno in Kevlar e PVC biologico da 800 euro.

Gps no, cardio no, smartphone sì (a patto che sia figo).

 

Sei un purista?

La tua opinione su queste cose è chiara e semplice: inutile zavorra. A te non servono gps e cardio, per orientarti usi la posizione degli astri e hai la capacità di modificare e controllare il battito cardiaco a tuo piacimento.

Assolutamente nulla!

 

Sei uno sportivo?

Probabilmente hai un cardio e non ti interessano telefoni o gadget cool. In realtà un gps economico e robusto ti sarebbe di grande aiuto, ne siamo certi! Ci ascolterai?

Gps e cardio sì, smartphone no.

 

Sei uno Human Runner?

Beh, in questo caso sappi che ti serve un gps perchè ti aiuterà molto per mantenere alte le tue motivazioni quando i tuoi amici ti inviteranno per un aperitivo e dovrai bidonarli per correre. Concentrati sull’essenziale (batteria e affidabilità) e lascia perdere tutti gli aspetti social che con la corsa non hanno nulla a che spartire!

Gps con Cardio. Smartphone no (vedi tu se vuoi contarti i passi).

 

Come è andata? Sei riuscito a decidere?

Human Runner spera di si.

A presto per ulteriori articoli sul magico mondo della corsa. Adesso andiamo tutti a correre ok?